venerdì 9 luglio 2010

Al ministero della Brambilla sono a corto di idee...e di fondi

Ieri l'altro molti tg ci hanno presentato il nuovo spot del ministero del turismo per promuovere le bellezze della nostra Italia da noi e all'estero, attraverso Rai International (così leggo dal Corriere della Sera di giovedì 8 luglio). Senonchè la voce fuori campo mi suonava familiare senza essere quella di un attore, uno sportivo o un altro testimonial scelto per l'occasione.
Entusiasta al settimo cielo il ministro Michela Vittoria Brambilla ci spiega che la voce è addirittura quello di Silvio Berlusconi in persona, il quale "non ha voluto alcun compenso" (la fonte è sempre il Corrierone).
Cesarismo, emulazione del Re Sole, protagonismo smodato o che altro? Quale nome vogliamo dare a questo comportamento del presidente del consiglio?
Quale altro paese moderno e avanzato usa la voce del proprio premier in uno spot di  promozione turistica alle sue bellezze naturali, artistiche, architettoniche e monumentali?
L'Italia secondo le stime dell'Unesco detiene almeno il 60% delle bellezze del patrimonio artistico mondiale, appartenente all'umanità intera: siamo propri sicuri, parlando di efficacia comunicativa, che questo spot sia all'altezza dell'obiettivo che si propone?
Il mio parere, non solo di cittadino sbigottito e amante della politica d'altri tempi quando non c'erano ancora gli sdoganatori, ma anche di uomo della comunicazione, nella quale mi sono cimentato per più di 20 anni, è sicuramente negativo.
Senza scomodare il presidente c'erano altre strade percorribili: quella classica con testimonial veri, quella con attori che recitano la parte di gente comune e ognuno magari esalta la bellezza della propria città nel dialetto del luogo (ovviamente più che di dialetto dobbiamo parlare di cadenza, comunque sottotitolata in italiano per l'estero).
E lasciamo pure stare il discorso sulla efficacia di questo spot.
Ma la gaffe terribile del ministro Brambilla è quella relativa al presidente che ha recitato gratis.
Perchè altrimenti secondo lei, nel mentre che ci stanno chiedendo sacrifici immani, sarebbe stato giusto dargli un compenso?!
Giovanni Fonghini

Nessun commento:

Posta un commento