sabato 19 maggio 2012

Perché chiamarla antipolitica?

Leggo spesso articoli ed editoriali che usano il termine antipolitica per definire lo scollamento e la disaffezione di tanti cittadini verso i partiti e le istituzioni pubbliche in genere. Più che di antipolitica parlerei di un giusto e legittimo risentimento di chi, in tempi di crisi e tagli pesantissimi alle protezioni sociali, vede che i privilegi della casta politica non muoiono mai.